La stanza acustica

La stanza acustica è un luogo fisico, una vera e propria stanza se così la si vuol definire. Essa a un suo ambiente con un suo suono reso per ciò propedeutico alla produzione del suono come parola o suono cosiddetto acustico non rielettrificato. Non rielettrificato nel senso che il suono naturale quello della naturale elettricità nella gravità dello spazio e del tempo non è assemblata per uso di un mezzo elettrico o elettronico, tipo microfono per intenderci. Pertanto la produzione che si intende per creativa non è in questa forma né finalizzata ad un uso riproduttivo. La stanza acustica è un luogo privato sia in uso che rappresentazione non soggetto a produzioni artistiche poste in essere nel luogo privato della stanza acustica come oggetti di scambio economico; se un oggetto utile può essere realizzato anche per scambio di oggetti per uso di guadagno economico, ciò implica ugualmente che la persona possa usufruire delle sue conoscenze ed essere per la realizzazione di un proprio principio di comunicazione totale e vera di se stesso, oltre il principio stesso di uso e scambio economico utile a tal fine. La stanza acustica è un po’ il luogo del poeta, che con Giacomo Leopardi va sul colle dell’infinito e sente dentro di sé la poesia che scrive e, poi mentre è a casa che dorme e magari russa un po’ qualcun altro legge nel suo animo per mezzo di un oggetto la poesia da lui scritta, ed ecco che Giacomo Leopardi in questo momento del suo russare è nella stanza acustica udendone il suono e, come si svegliasse guardandosi attorno pronuncia delle parole dedicate alla sua stanza. Ora viene da chiedersi a che pro il sito internet della stanza acustica? Questo sito è innanzitutto un posto di documentazione di ciò che vorrà realizzarsi nella stanza acustica, come citazione d’insieme e come ipotesi di riproduzione altra dedicata ai suoi temi – come ò detto alla parola creata che potrà essere riversata in scrittura, come suono che non avrà altra che una produzione bundle realizzata con un microfono di 120’ gradi di registrazione su di un registratore audio di un mp3 per voce. Nella stanza acustica non si definiranno produzione di carattere video. In essa vi saranno momenti dedicati alla dimensione chiamata cavalletto, ciò consiste nella visione di un'unica opera di un autore posta appunto in visione sopra di un cavalletto per pittura. Altresì la stanza acustica a una dimensione di uso come posa fotografica per gli ambienti che sono della stanza acustica, per ora soltanto per me.

Patrizio Marozzi

Patrizio.marozzi@live.it